Come costruire una palette cromatica per la tua casa

La scelta è fondamentale perché deve essere un colore che piace  e che si addice allo spazio al quale viene applicato.  Colori accesi e prepotenti non sono ottimali per ambienti nel quale è necessario rilassarsi, ma è preferibile in ambienti conviviali come la cucina. I toni del blu, del verde e del giallo sono utili per concentrarsi.

Anche i colori delle stanze dei bambini vanno scelti con cura, scegliendo colori che stimolino la loro attenzione ma al contempo favoriscono il loro riposo.

Altri elementi da prendere in considerazione sono i colori dell’arredamento o lo stile della casa che si vuole raggiungere, per esempio minimale oppure classico. E’ necessario valutare le dimensioni e le proporzioni della stanza, se è piccola sarebbero da evitare i colori che possono rimpicciolirla ulteriormente, mentre si potrebbero usare in stanze grandi e con soffitti alti. 

Da considerare anche l’illuminazione della stanza, se la luce entra in maniera diffusa o diretta o se è per lo più artificiale, in qual caso bisognerà valutare se optare per una luce forte ed intensa, o per una luce che si focalizza su alcune parti della stanza. 

Come prima cosa bisogna scegliere il colore principale e poi scegliere qualche variante di colore leggermente diversa, ad esempio un po’ più chiara o più scura. Servono anche i colori d’accento, in genere tonalità molto più scure o più chiare rispetto a quella principale oppure tonalità neutra. I colori di contrasto servono invece per colorare un dettaglio per esempio una colonna o una nicchia, oppure da scegliere per un tavolo, un vaso o per i cuscini.

Ricorda che da tutti i rivenditori Dinova saranno disponibili le nostre cartelle Colour Trends 2021 e Vision 2.0 con centinaia di tinte realizzabili su misura a Tintometro, direttamente nel punto vendita!